Assemblea Diocesi

Assemblea diocesana di Apertura dell'anno pastorale

Sabato 6 ottobre, in cattedrale a Padova, si è tenuta l’assemblea diocesana di apertura del nuovo anno pastorale.

Si è trattato di un momento liturgico ad ampio respiro dove abbiamo pregato per il lavoro delle nostre comunità,  per i membri degli organismi di comunione da poco rinnovati e per il Vescovo Claudio che a breve inizierà la visita pastorale alle parrocchie della diocesi: per quest’anno è in programma la presenza del vescovo in 128 parrocchie. Noi lo accoglieremo il prossimo anno. Si tratterà di una visita con gli obiettivi di condividere, conoscere, ascoltare e seminare la Buona Notizia a braccia tese.

Nel corso dell’assemblea, oltre ad aver pregato, cantato, ascoltato la Parola di Dio, si sono susseguiti vari interventi. Abbiamo ascoltato il vicepresidente del Consiglio Pastorale diocesano, e poi Don Leopoldo Voltan, vicario episcopale per la Pastorale, che nuovamente si è soffermato a sollecitare le parrocchie allo studio del sussidio “Il seminatore uscì a seminare - Tracce di cammino” per l’anno pastorale 2018/2019,  tema che prendendo spunto dalla parabola del buon seminatore invita e incoraggia le parrocchie ad essere terreno fertile di evangelizzazione.  Successivamente è intervenuta una giovane ragazza che ha partecipato attivamente al sinodo dei giovani. A lei era stato chiesto di scrivere qualcosa sul tema dell’evangelizzazione. E’ stata davvero brava nel far comprendere che questa azione dovrebbe venire mossa dalla gioia dell’incontro con il Signore che spinge a muoversi, perché sentiamo che davvero questo è il bene che avvolge le nostre vite e lo desideriamo per tutti. Non diventa però importante il solo bisogno legato al “fare” molte cose ma piuttosto “all’essere”, allo stile di vita del cristiano  in ogni contesto della sua vita (non solo in parrocchia, ma anche nell’ambiente quotidiano del lavoro, dello studio, delle relazioni…). Fondamentale agli occhi dei giovani è  la  testimonianza di fede gioiosa, ferma e credibile  degli adulti.

Per ultimo ha parlato il Vescovo Claudio che, con evidente emozione, ha condiviso i sentimenti e la ricchezza ricevuta nell’animo, dalla recente esperienza della partecipazione al sinodo dei vescovi, sul tema dei giovani. Ci ha raccontato di aver assaporato una chiesa davvero cattolica, con vescovi giunti da tutto il mondo, anche da zone davvero povere.

Il Vescovo ha poi chiesto un’attenzione speciale per il mondo giovanile, prestando loro ascolto e leggendo con attenzione il documento emerso lo scorso anno dal sinodo. Ci ha poi invitati a sognare e a usare la creatività perché la Buona Notizia giunga a più persone possibili.  Ha chiesto di pregare per il suo sogno, il sogno di una chiesa con sentimenti comuni, e per il suo prossimo impegno, perché sappia portare nelle comunità non tanto le sue idee ma quanto gli saprà suggerire lo Spirito, ciò che il Signore desidera dire al Suo popolo. Così ha esortato i presenti: “Vi chiedo di pregare perché uscendo e venendovi a trovare io possa seminare le cose di Dio”.

 

 

 

A tutti una buona settimana, Don Lauderio

precedente: Campo invernale